Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Terremoto, Draghi a Amatrice: “Stato lento, ma ora la ricostruzione procede”

"In passato è stato lento ma adesso la situazione è diversa: i lavori di ricostruzione stanno procedendo più velocemente"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha partecipato questa mattina ad Amatrice alle celebrazioni in occasione dell’anniversario del sisma del 2016. Dopo la deposizione di una corona di alloro alla base del Monumento presso il parco ‘Giovanni Minozzi’, il Presidente Draghi ha incontrato i familiari delle vittime del sisma.

“Se oggi sono qui è perché lo Stato vi è vicino. In passato è stato lento ma adesso la situazione è diversa: i lavori di ricostruzione stanno procedendo più velocemente. Sono oggi qui a portarvi fiducia e l’impegno del Governo”, ha detto.

Nel corso dell’incontro è stato anche affrontato il tema della creazione di un fondo per le vittime degli eventi sismici, sul quale – è stato ricordato – c’è già una iniziativa parlamentare. Il Governo, fin dal suo insediamento, ha riservato grande attenzione agli interventi per la ricostruzione e lo sviluppo delle aree terremotate. La prima e più importante misura adottata dal Governo è la destinazione di un’apposita linea di investimento – del valore di 1,78 miliardi di euro – per la ricostruzione e lo sviluppo dei territori del Centro Italia colpiti dai sismi del 2016 e 2017, nell’ambito del Piano complementare al Pnrr. A questa si è aggiunta una norma del DL Semplificazioni mirata a garantire per questi interventi una governance unitaria multilivello.

Infine, è stato avviato dal Governo il confronto con le regioni e i comuni per la definizione del Contratto istituzionale di sviluppo per la ripresa post-sisma (“Cis sisma”). Le celebrazioni si sono concluse con la Santa Messa officiata dal vescovo di Rieti, mons. Domenico Pompili, presso il campo sportivo ‘Paride Tilesi’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»