Sindaco L’Aquila corre ad Amatrice: “Tragedia come la nostra del 2009”

"L'Aquila e Amatrice sono due città legate e oggi Amatrice è irriconoscibile" dice il sindaco de L'Aquila che stamattina è corso subito ad Amatrice
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

macerie_terremoto_amatriceROMA – “È una tragedia come quella di L’Aquila”. Lo ha detto Massimo Cialente, sindaco del capoluogo abruzzese, arrivato ad Amatrice poco dopo il terremoto che ha colpito il centro Italia. Cialente, intervistato da Rainews 24, ha detto di rivedere “scene di 7 anni fa”, ricordando il sisma del 2009. “L’Aquila e Amatrice sono due città legate e oggi Amatrice è irriconoscibile– ha detto ancora-. La città è divisa in due, è crollato il centro storico, bisogna riaprire il corso per permettere alle persone di attraversarla”.

“E’ UNA TRAGEDIA COME QUELLA DI L’AQUILA”

È una tragedia come quella di L’Aquila– dice ancora Cialente-. Noi abbiamo verificato che a L’Aquila non è successo nulla, ho chiamato il sindaco di Amatrice e siamo venuti qui. Siamo riusciti a passare sul ponte ma è difficile arrivare qui. Siamo arrivati tra i primi perché siamo più vicini. Speriamo che il bilancio delle vittime sia il minore possibile”.

LEGGI ANCHE

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»