Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Differenza Donna: “Sugli allontanamenti dei minori intervenga il Garante”

Le avvocate Maria Teresa Manente e Ilaria Boiano hanno scritto una lettera al Garante nazionale delle persone private della libertà personale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Da 10 anni negli uffici giudiziari, competenti in materia di affidamento dei figli, si sono radicate prassi applicative del diritto di famiglia particolarmente discriminatorie nei confronti delle donne, che sono sistematicamente accusate di condotte ostative della genitorialità paterna, nel momento in cui i figli e le figlie manifestino difficoltà fino al rifiuto del padre”. Lo dicono le avvocate di ‘Differenza Donna’, Maria Teresa Manente e Ilaria Boiano, in una lettera al Garante nazionale delle persone private della libertà personale pubblicata su DonnexDiritti.

LEGGI ANCHE: Prelievi coatti di minori in nome della patria potestà, il 27 luglio manifestazione a Roma

Le donne che si separano da un partner violento sono a rischio: “Nessuna donna che denuncia violenza nelle relazioni familiari è ormai protetta contro insinuazioni pretestuose che poi divengono assurde ‘diagnosi’ di alienazione genitoriale“, spiegano le avvocate.
“Tutte le donne che decidono di separarsi o di richiedere all’autorità giudiziaria la regolamentazione dell’affidamento dei figli sono a rischio di essere stigmatizzate quali “madri malevoli”. Per le donne straniere si aggiunge “lo stigma di inadeguatezza motivato da valutazioni razziste”.

I minori “patiscono quale conseguenza diretta la recisione del legame materno con modalità che si traducono in trattamenti inumani e degradanti”. In questo momento, sottolineano Manente e Boiano, è “in atto un vero assedio per prelevare il minore che si rifiuta di lasciare la madre”. Perciò chiedono al Garante di “monitorare tutte le esecuzioni dei provvedimenti riguardanti i minori sul territorio nazionale”, soprattutto quelle disposte “con ausilio della forza pubblica”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»