Del Grande libero, Alfano ringrazia la Turchia VIDEO

"Dovevano fare accertamenti. Non abbiamo mai perso il contatto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ andato tutto secondo le loro procedure. Ci hanno segnalato che dovevano fare degli accertamenti, li hanno fatti”. Così il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, spiega la liberazione del documentarista Gabriele Del Grande, dopo 14 giorni di prigione in Turchia.

LEGGI ANCHE Del Grande in Italia: “Sto bene. Io vittima di violenza istituzionale”

“Ringrazio la rete diplomatica e consolare per il lavoro fatto e soprattutto il ministro degli Esteri della Turchia– continua Alfano- con il quale non ho perso per un attimo il contatto. Abbiamo scambiato tanti messaggi su whatsapp e telefonate, ovviamente nel silenzio perché non potevo riferire tutto quello che si stava facendo”.

Alfano ci tiene a precisare che anche “nei momenti di massima tensione non abbiamo mai perso il contatto e abbiamo sempre valorizzato le cose che ci uniscono“.

Con la Turchia, aggiunge il ministro, “abbiamo un grande vincolo nella lotta al terrorismo internazionale, che li vede molto spesso aggrediti. Quindi li ringrazio di tutto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»