“Esternalizzazioni agli aeroporti di Firenze e Pisa”, sindacati proclamano lo sciopero

FIRENZE - Toscana Aeroporti, l'azienda che gestisce gli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aeroporto Firenze

FIRENZE – Toscana Aeroporti, l’azienda che gestisce gli scali di Firenze e Pisa ha deciso “unilateralmente, senza nessun confronto con le parti sociali, di non stabilizzare i precari, di non fare nuove assunzioni e di appaltare all’esterno alcune attività”. Per questo Cgil, Cisl, Uil e Ugl, dopo aver decretato lo stato di agitazione, hanno proclamato per il 29 febbraio quattro ore (dalle 12 alle 16) di sciopero che interesseranno sia Peretola che il Galilei. Sullo scalo pisano le critiche riguardano in particolar modo l’attività di bhs, baggage handling system, ovvero lo smistamento bagagli “ceduto ad una azienda che nemmeno applica il contratto collettivo di riferimento, con gli addetti che svolgevano questa attività spostati in un altro settore”. Su Firenze, sottolineano i sindacati, “in sostanza è stata fatta la stessa operazione: coloro che lavorano da anni in azienda a tempo determinato non saranno riconfermati e il lavoro ceduto ad una cooperativa, senza obbligo di riassunzione, che svolgerà quelle attività applicando un contratto meno retribuito e meno garantito”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»