Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ucraina, l’arcivescovo Shevchuk “C’è guerra, ma non se ne parla più…”

"Ogni giorno entrano cannoni, carri armati, soldati russi. Ogni giorno si spara sulla linea. Ogni giorno si contano feriti e morti", dice Sua Beatitudine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guerra in Ucraina

ROMA – “Da un anno i mezzi di comunicazione non parlano piu’ della guerra in Ucraina e sembra che non esista piu'”. Si scusa per la “commozione” ma quando parla della guerra nella regione orientale del Donbass Sua Beatitudine Svyatoslav Shevchuk, arcivescovo maggiore della Chiesa ucraina greco-cattolica, non riesce a non incrinare la voce.

“L’Ucraina- ha detto ieri incontrando i giornalisti a Roma- e’ vittima di un’aggressione straniera”. “La guerra- aggiunge l’arcivescovo, ripreso dalla stampa cattolica- continua ogni giorno. Ogni giorno entrano in Ucraina cannoni, carri armati, soldati russi. Ogni giorno si spara sulla linea. Ogni giorno si contano feriti e morti“.

Shevchuk rende conto anche delle conseguenze che la guerra ha lasciato sul terreno. “Secondo le stime dell’Onu- dice- sono 2 milioni gli sfollati interni al Paese e di questi mezzo milione sono bambini. Si contano decine di migliaia di morti e non solo tra i soldati ma anche tra i civili. La guerra e’ una ferita che sanguina ancora” ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»