Ucraina, l’arcivescovo Shevchuk “C’è guerra, ma non se ne parla più…”

"Ogni giorno entrano cannoni, carri armati, soldati russi. Ogni giorno si spara sulla linea. Ogni giorno si contano feriti e morti", dice Sua Beatitudine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guerra in Ucraina

ROMA – “Da un anno i mezzi di comunicazione non parlano piu’ della guerra in Ucraina e sembra che non esista piu'”. Si scusa per la “commozione” ma quando parla della guerra nella regione orientale del Donbass Sua Beatitudine Svyatoslav Shevchuk, arcivescovo maggiore della Chiesa ucraina greco-cattolica, non riesce a non incrinare la voce.

“L’Ucraina- ha detto ieri incontrando i giornalisti a Roma- e’ vittima di un’aggressione straniera”. “La guerra- aggiunge l’arcivescovo, ripreso dalla stampa cattolica- continua ogni giorno. Ogni giorno entrano in Ucraina cannoni, carri armati, soldati russi. Ogni giorno si spara sulla linea. Ogni giorno si contano feriti e morti“.

Shevchuk rende conto anche delle conseguenze che la guerra ha lasciato sul terreno. “Secondo le stime dell’Onu- dice- sono 2 milioni gli sfollati interni al Paese e di questi mezzo milione sono bambini. Si contano decine di migliaia di morti e non solo tra i soldati ma anche tra i civili. La guerra e’ una ferita che sanguina ancora” ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»