Dj Fabo, dopo la Consulta anche la Corte d’Assise assolve Cappato: “Non fu aiuto al suicidio”

Per la Corte d'Assise del Tribuna d'appello "il fatto non sussiste"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Marco Cappato è stato assolto dalla Corte d’Assise di Milano “perche’ il fatto non sussiste”. L’esponente dei radicali era sotto processo con l’accusa di avere aiutato Dj Fabo a suicidarsi in una clinica in Svizzera.

LEGGI ANCHE: Dj Fabo, la Consulta chiede al Parlamento una legge sul fine vita

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»