hamburger menu

Tosse e catarro, come capire se è influenza

Nei bimbi usare disinfettanti nasali, negli adulti farmaci antinfiammatori

Pubblicato:23-11-2022 16:13
Ultimo aggiornamento:23-11-2022 16:13
Canale: Sanità
Autore:
tosse
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Queste nuove forme influenzali invernali sono caratterizzate da tosse e catarro, perché sia nel bambino che nell’adulto provocano una flogosi: un’infiammazione delle alte vie respiratorie che produce muco e quindi tosse. La tosse è l’infiammazione delle vie aeree, quindi una tosse secca è di solito il primo sintomo di queste sindromi influenzali”. Lo spiega all’agenzia Dire il presidente della Società italiana di infettivologia pediatrica (Sitip) e pediatra infettivologo dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, Guido Castelli Gattinara.

“A questa tosse, soprattutto nell’infanzia, si accompagna la febbre che può essere più o meno alta. L’influenza vera- prosegue- è quella da virus influenzale ed è generalmente molto alta. Nelle forme da altri virus parainfluenzali, invece, la febbre può essere molto bassa”.

“In caso nei bambini faccia la propria comparsa l’influenza con tosse e catarro- sottolinea Castelli Gattinara- è bene che i genitori tengano a casa i propri figli, umidificando bene l’ambiente, perchè l’aria secca è certamente controindicata. Dovranno poi utilizzare i disinfettanti nasali e, se la tosse è molto forte, potranno dare sciroppi della tosse di tipo periferico come ad esempio la dropropizina, oppure gli antipiretici come il paracetamolo o l’ibuprofene. Non dovranno mandarli a scuola proprio per evitare il contagio con gli altri bambini”.

Gli adulti, se hanno una forte tosse– afferma ancora Gattinara- devono evitare che questa tosse comporti una diffusione delle gocciolone di saliva, o droplet, che vengono sparse negli ambienti e possono contagiare le altre persone. In questo caso è bene spezzare una lancia in favore delle mascherine, perchè quando eravamo distanti e quando tutti le usavamo la trasmissione di queste forme virali era molto ridotta. Quindi, in caso di raffreddore è bene utilizzare la mascherina, tossire nella piega del braccio e non tossire all’aria per evitare il contagio. Per la cura della persona adulta- conclude- anche in questo caso si possono utilizzare farmaci antinfiammatori, uno di questi è l’ibuprofene, che di solito riduce l’infiammazione delle alte vie respiratorie”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-11-23T16:13:57+01:00