Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

AUDIO | Lombardia, la consigliera Beccalossi e i ‘fighetti’ in bicicletta: insorge il M5s

Dino Alberti (M5s) attacca Viviana Beccalossi (Gruppo Misto, ex Fratelli d'Italia) per una frase sui 'fighetti' che usano bici e monopattini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “La mobilita’ leggera e sostenibile, ovvero, tramite monopattino e bici elettrica e’ uno degli strumenti per fronteggiare l’emergenza nell’emergenza e non e’ da ‘fighetti’ andare al lavoro in bicicletta, e’ necessita’, oltre che un gesto di rispetto verso l’ambiente e tutta la societa’ civile”. Polemica da parte del consigliere M5S lombardo Dino Alberti per una frase dell’ex assessore regionale al Territorio e ora consigliere al Gruppo Misto, Viviana Beccalossi (ex Fratelli d’Italia).

Beccalossi, durante la seduta di commissione Attivita’ produttive a Palazzo Pirelli dello scorso giovedi’ 19 novembre, chiama ‘fighetti’ gli utilizzatori di bici elettriche e monopattini.

ASCOLTA L’AUDIO:

“Ricordiamo la recente condanna dell’Ue per gli sforamenti sulle emissioni e i dati Arpa che dimostrano che continuiamo a sforare”, afferma Alberti, che dice di non avere “alcuna intenzione di difendere il provvedimento sulle bici perche’ qua non c’e’ da difendere nulla, quando gli attacchi arrivano dall’ignoranza e l’arroganza di persone che non hanno vissuto un minuto della loro vita in quella reale”.

Tuttavia, a detta del pentastellato l’emergenza Covid “ha riscritto le regole della mobilita’”, e il mezzo pubblico “purtroppo e’ stato e sara’ sempre piu’ penalizzato (vedi limiti di capienza)”. Per questo, “torneremo ad usare sempre di piu’ il mezzo privato perche’ dal punto di vista sanitario e’ quello piu’ sicuro. Ma chi un’auto privata non ce l’ha o non se la puo’ permettere? E i risvolti ambientali?”, si domanda Alberti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»