Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Fiorella Mannoia: “Dovevano fare Gino Strada senatore a vita”

"Adesso bisogna lavorare di più e mandare avanti questa che è la sua creatura", dice la cantautrice grande amica del chirurgo milanese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Qualcuno avrebbe potuto proporre al fondatore di Emergency Gino Strada la carica di senatore a vita, in quanto “è stato un vanto per il nostro Paese”. La cantautrice Fiorella Mannoia, grande amica del chirurgo milanese scomparso lo scorso 13 agosto, durante la visita alla camera ardente allestita in via Santa Croce a Milano, torna sulla questione dell’assenza di esponenti politici al commiato di Strada e rilancia.

“Credo che forse si meritasse anche che qualcuno lo proponesse senatore a vita”, afferma Mannoia all’uscita: “Forse non avrebbe accettato, ma sarebbe stato bello se qualcuno glielo avesse proposto”.

L’artista, visibilmente emozionata, si lascia andare ad un ricordo personale. “Ho avuto la fortuna di vederlo pochi giorni prima- spiega- e questo sarà il ricordo che porterò per sempre con me. Ho avuto il privilegio di poterlo salutare“.

Dopodiché “mi mancheranno i racconti di Gino sulle sue avventure in Afghanistan con Vauro e Giulietto Chiesa”, ricorda commossa. Ora sarà invece tutto più difficile: “Ha lasciato un vuoto enorme- sottolinea Mannoia- e adesso bisogna lavorare di più e mandare avanti questa che è la sua creatura“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»