Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dieci anni senza Amy Winehouse, lei che trasformava il dolore in note di diamanti

Amy Winehouse creative commons
Il 23 luglio 2011 si spegneva a 27 anni la cantante inglese, autrice di canzoni straordinarie nate da una vita segnata da solitudine e dipendenze
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – A vederla cantare dal vivo, sembrava incredibile che quel corpo minuto e sottile potesse contenere una voce tanto potente. Viene da chiedersi se il più grande talento di Amy Winehouse non stesse proprio nel riuscire a trasformare quella fragilità interiore in liriche improvvise e dolorose come frecce.

Il 23 luglio 2011 i paramedici recuperano il suo corpo senza vita da un appartamento di Camden Square, a Londra, dove Winehouse viveva in completa solitudine. Quel giorno di dieci anni fa, la ragazza del soul entra a far parte di quell’elite sfortunata e talentuosa che chiamiamo con insensata ironia “Club dei 27“, i cui membri ‘onorari’ sono leggende come Kurt Cobain, Jim Morrison e Janis Joplin. Si chiude per Amy un passaggio terreno infelice, costellato di dolori e delusioni, inflitti – secondo quanto racconta un documentario postumo dal titolo ‘Amy’ – soprattutto dai due uomini della sua vita: il padre Mitch e il marito Blake Fielder-Civil.

Nella vicenda personale di Amy Winehouse, almeno quel tratto pubblico legato alla musica, entrano con prepotenza la dipendenza dalle droghe e dall’alcol, i disturbi alimentari, l’abuso di psicofarmaci: un mix letale che la trascina nel vortice della depressione e della solitudine.

Tra il primo album, ‘Frank’, e ‘Back to Black’ passano tre anni, quattro taglie e una lunga serie di vicende che portano Amy a scrivere il suo più grande successo: ‘Rehab‘, canzone non a caso dedicata al rifiuto di disintossicarsi dall’alcol. Ma il disco è uno scrigno di singoli preziossimi: dalla title track ‘Back to Black’ a ‘Love Is a Losing Game‘, passando per ‘Tears Dry On Their Own‘ e ‘You Know That I’m No Good‘. L’album ottiene cinque Grammy Awards e proietta la cantante inglese nell’Olimpo della musica, in cui lei sembra sempre un uccellino disorientato.

Le esibizioni dal vivo sono quasi sempre fallimentari: spesso Amy è senza voce o senza forze, non riesce a raggiungere la fine dell’esibizione, fa lunghe pause tra una canzone e l’altra. La tappa di Milano, all’Alcatraz nel 2007, è una delle poche del tour che vede compiersi la scaletta per intero. Ma Amy appare già magrissima e in difficoltà, con un tubino stretto che continua a cadere da quel corpicino esile, costringendola a tirare su il vestito in continuazione per non lasciarlo cadere. Eppure quella voce. Un suono potente e armonioso esce dalla sua bocca apparentemente senza nessuna fatica, profondo come il dolore da cui probabilmente si sprigiona.

Il terzo album, ‘Lioness: Hidden Treasures’, viene pubblicato postumo il 5 dicembre del 2011, e contiene alcuni brani inediti a cui Amy aveva lavorato insieme ai produttori Salaam Remi e di Mark Ronson, e vecchi demo ancora inediti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»