Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Oceani più caldi, e i pesci tropicali si restringono. Ecco la nuova scoperta

Alcune specie di pesci tropicali, nel corso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

pesci tropicali 2Alcune specie di pesci tropicali, nel corso di due generazioni, potrebbero adattarsi alle maggiori temperature degli Oceani dovute ai cambiamenti climatici in atto, e per riuscirci però tendono a diventare più piccoli. La nuova scoperta, di Philip Munday con i suoi colleghi ricercatori della James Cook University di Townsville, in Australia, “aumenta la speranza che gli ecosistemi oceanici potrebbero resistere alle temperature del mare in aumento, e  portare ad adattamenti delle specie per aiutare anche gli acquacoltori”. Lo studio è pubblicato sul settimanale di divulgazione scientifica ‘New Scientist’.

Molte specie di pesci, infatti, soffrono le conseguenze estreme quando la temperatura dell’acqua aumenta di appena un paio di gradi. “La capacità del loro sistema circolatorio di trasportare l’ossigeno in tutto il corpo può ridursi della metà, nel senso che non possono nuotare, crescere o riprodursi nel modo più efficace. Ciò ha portato a preoccuparsi sul fatto che le popolazioni ittiche sarebbero costrette a spostare i loro habitat”, rilevano i ricercatori.

Munday e i suoi colleghi hanno dimostrato che “nel 2012  pesci tropicaliuna specie di pesci tropicali colpiti da acque più calde potrebbe adattarsi completamente all’aumento di 3 gradi di riscaldamento su due generazioni”.

La spiegazione si può trovare nell’attivazione-disattivazione di alcuni geni dopo due generazioni di acclimatazione. “Qualcuno ha aumentano l’uso dei geni coinvolti nel metabolismo energetico, alcuni quelli coinvolti nella risposta immunitaria e lo stress- spiega Munday- i cambiamenti epigenetici nel pesce sono passati e si sono rafforzati in ogni generazione”.

Non si tratta di “evoluzione- sottolineano i ricercatori- ma è possibile che questo tipo di plasticità fenotipica aiuti a guidare l’evoluzione. Questa adattabilità è una buona notizia per i pesci ed è probabile che accada in molte altre specie”. L’altro lato della medaglia però è che “vedremo compromessi con i tassi di crescita. Infatti- concludono i ricercatori- si è visto che i pesci che crescono in condizioni più calde tendono ad essere più piccoli”.

Di Serena Tropea – Giornalista Professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»