hamburger menu

VIDEO| Ucraina, Prodi: “Con le armi siamo in impasse. Cominciamo a parlare”

"Non mi aspetto nulla di nuovo nei prossimi giorni tranne che disgrazie e sangue", ha detto l'ex premier

romano prodi

BOLOGNA – “È chiaro che quando si arriva a un’impasse come in questi giorni, l’unica reazione è dire: cominciamo a parlare, a discorrere di pace, perché con le armi siamo in una condizione di ‘stand and still’, cioè in una situazione di assoluto impasse”. Lo ha detto l’ex premier Romano Prodi, a margine della presentazione del libro di Stefano Passigli, ‘Elogio della Prima Repubblica‘, a Bologna.

“Non sappiamo quali sono le intenzioni di Putin, non sappiamo quali siano le capacità di resistenza degli ucraini. Non mi aspetto nulla di nuovo nei prossimi giorni tranne che disgrazie e sangue. Mi auguro che questo faccia capire che l’unico modo per uscire dal problema non è vedere chi vince o chi perde, ma il dialogo”, conclude.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-24T11:39:19+02:00