Giornale radio sociale, edizione del 23 aprile 2020

Approfondimenti e notizie sul sociale su www.giornaleradiosociale.it
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

INTERNAZIONALE – Il virus che affama. L’epidemia di Coronavirus potrebbe far raddoppiare il numero di quanti soffrono la fame acuta: è l’allarme lanciato dal Programma alimentare mondiale dell’Onu secondo cui ad essere a rischio sarebbero circa 250 milioni di persone, colpite dall’impatto economico della crisi.

ECONOMIA – Ascoltateci. L’Alleanza contro la povertà in Italia chiede al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, di “aprire un confronto per porre l’attenzione sulla lotta alla povertà nell’emergenza Covid-19”. Ora più che mai “è fondamentale il contributo delle parti sociali e del terzo settore, e diventa centrale ampliare il dialogo”.

SOCIETA’ – Diritto allo studio. Per tutti. Si avvicina la fase 2 ma il ministero “dimentica” la disabilità. La denuncia di Fish e Fand nel servizio di Anna Monterubbianesi
Si comincia a pensare alla fase 2 e si dovrà tenere in conto anche dei diritti delle persone con disabilità.? Secondo le associazioni sono molte le priorità, ma prima di tutto nel Comitato nominato dal ministero dell’Istruzione per mettere a punto il piano generale per la scuola post-emergenza andrebbe previsto anche un esperto di disabilità. Questa mancanza è un errore che Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano, presidenti di Fish e Fand, definiscono ‘grave’. Il diritto allo studio, la formazione di migliaia di studenti, la necessità di innovare le tecniche, le strutture, i procedimenti e le logiche della formazione sono sfide delicate che non possono tralasciare il tema della disabilità. Un errore tanto più grave considerate le già numerose lacune riservate agli alunni con disabilità nella Fase 1. L’appello quindi alla ministra Azzolina a compensare questa lacuna nell’interesse di tutti.

DIRITTI – Lezioni speciali. Il presidente nazionale dell’UICI (Unione italiana ciechi e ipovedenti), Mario Barbuto, annuncia la nuova iniziativa in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione sulle esperienze educative a distanza in favore di tutti i ragazzi con disabilità visive. Questa volta sarà il canale Facebook “MI social” del Ministero dell’Istruzione ad ospitare domani alle ore 16 l’incontro. Sarà anche l’occasione per i tiflologi (specialisti dei problemi della vista) per presentare alcune esperienze di didattica a distanza realizzate insieme ai ragazzi ciechi, ipovedenti e con disabilità aggiuntive. La diretta sarà condivisa su SlashRadio dell’Uici.

CULTURA – Musica per chi aiuta. Artisti in campo in sostegno degli anziani soli. Il servizio è di Clara Capponi
Tra le tante iniziative – nate dalla creatività di questo tempo sospeso- c’è “Nemico Invisibile”, il progetto dell’inedito trio Mario Biondi, Annalisa Minetti, Marcello Sutera e che vede la partecipazione in musica e voce anche di Dodi Battaglia, Gaetano Curreri, insieme a tanti vocalist, artisti e musicisti che presteranno la loro arte per realizzare una serie di incisioni audio che saranno pubblicate sulle piattaforme digitali. Tutti i ricavati andranno all’Auser, l’associazione per l’invecchiamento attivo, che nelle diverse regioni Italiane sta portando avanti iniziative di sostegno per le persone più fragili, sole e anziane durante l’emergenza sanitaria Covid-19. Il progetto vede anche la preziosa partnership di Olè T-shirt for Artist che ha realizzato una collezione di magliette dedicate alla mission.

SPORT – Medici in campo. Si terrà in Salento, a Gallipoli, dal 29 agosto al 5 settembre, il Campionato nazionale medici. Si tratta della diciottesima edizione della manifestazione e sarà l’occasione per ricordare i colleghi vittime del Coronavirus. Lo svolgimento dell’evento sarà subordinato ovviamente alla soluzione dell’emergenza sanitaria.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»