25 aprile, 3 milioni di italiani al mare. Prima prova costume (che 4 su 10 non superano)

Sono almeno 7,5 milioni, dice Coldiretti, gli italianiche hanno deciso di trascorrere qualche giorno fuori per questo lungo ponte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quasi tre milioni di italiani hanno scelto di trascorrere almeno un giorno di vacanza nel lungo ponte della Liberazione in una località di mare per la prima prova costume generale che però più di 4 su 10 non superano”. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sul lungo ponte del 25 aprile che circa 7,5 milioni di italiani hanno deciso di trascorrere fuori casa per qualche giorno, con oltre il 90% che è rimasto nella Penisola. “

A condizionare le scelte sono certamente- sottolinea la Coldiretti- il poco tempo disponibile, l’andamento climatico ed anche le preoccupazioni relative ai recenti eventi di terrorismo a livello internazionale che hanno spinto a rinunciare, a destinazioni estere generalmente molto ambite in questo periodo dell’anno. Una netta preferenza è andata dunque per le località nazionali sul mare ma gettonate sono anche la montagna, le città d’arte e la campagna“. Una opzione, quest’ultima, scelta nel lungo week end da 1,2 milioni italiani e stranieri che- rileva l’associazione agricola- hanno deciso di sedersi a tavola in agriturismo per il contatto con la natura ma anche per la qualità e genuinità dell’offerta enogastronomica secondo Campagna Amica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»