Coronavirus, muore a Roma uomo di 34 anni. Indagine in corso sui suoi contatti

Era originario di Cave e lavorava in un call center
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Si è spento a Roma un trentaquattreenne originario di Cave. Due settimane fa aveva manifestato i primi sintomi da Coronavirus.

“In merito al decesso del ragazzo di 34 anni al Policlinico di Tor Vergata da prime notizie acquisite dall’indagine epidemiologica svolta dal servizio di prevenzione della Asl Roma 2 emerge che il ragazzo, che lavorava in un call center, era stato a Barcellona dal 6 all’8 marzo e il 9 marzo è stato il suo ultimo giorno di lavoro e poi si era posto in auto isolamento, ha mostrato i primi sintomi di febbre il giorno 11 e il 16 è stato trasferito, su indicazione del suo medico, in ambulanza e ricoverato al Policlinico di Tor Vergata dove entrava in terapia intensiva. Oggi è avvenuto il decesso ed è stato disposto l’esame autoptico per chiarire le cause della morte. Oggi “verrà svolto un sopralluogo da parte dei servizi di prevenzione della Asl Roma 2 presso il call center e ci sarà una prima relazione sull’indagine epidemiologica”, ha comunicato in una nota l’Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio.

“Apprendiamo, con profondo dolore, della notizia della scomparsa del nostro giovane concittadino Emanuele, residente a Roma, colpito dal Covid 19. A nome di tutta la Città di Cave, siamo vicini ai familiari a cui si esprime sentito cordoglio”, è il messaggio affidato a facebook del sindaco di Cave Angelo Lupi e dell’amministrazione comunale del centro alle porte di Roma.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»