In Arabia Saudita eseguita ennesima condanna a morte: è la numero 76 dall’inizio dell’anno

Al-Harbi, incriminato per omicidio, e' stato decapitato dal boia con una spada
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

pena di morte arabia sauditaROMA  – Oggi in Arabia Saudita e’ stato giustiziato Abdullah Al-Harbi, a Buraydah – a nord della capitale Riad – cosi’ come riporta la stampa araba. Il numero delle condanne a morte eseguite dall’inizio del 2016 sale cosi’ a 76.

Al-Harbi, incriminato per omicidio, e’ stato decapitato dal boia con una spada, una modalita’ di esecuzione molto frequente nel regno saudita.

L’Arabia Saudita e’ uno dei pochi paesi al mondo a non aver firmato la moratoria sulla pena di morte. Lo scorso anno, le condanne eseguite sono state 153, il numero piu’ alto mai raggiunto negli ultimi vent’anni, come ha denunciato a piu’ riprese Amnesty international. La pena di morte in questo Paese e’ consentita a causa di un’applicazione estremamente rigida della Shari’a, la legge islamica, che punisce con la morte reati come l’omicidio, l’uso degli stupefacenti, il traffico di armi, lo strupro e l’apostasia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»