Coronavirus, salgono a 9 i casi in Emilia-Romagna: stop alle Università, test per i pazienti in tutti gli ospedali

Si valuta anche la chiusutrìa delle scuole di ogni ordine e grado
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Altri 6 casi di positivita’ al Coronavirus, che portano a 9 il numero complessivo di contagiati presi in carico dall’ospedale di Piacenza. Si tratta di cinque piacentini e di un residente in provincia di Lodi, in Lombardia. Dei nove diagnosticati al virus, 5 sono ricoverati presso lo stesso nosocomio in isolamento, mentre 4 si trovano al proprio domicilio, sempre in isolamento. Tra i nuovi casi, vi sono anche due medici e un infermiere dell’ospedale di Piacenza. Il nosocomio sta mettendo in atto ogni misura per affrontare in modo adeguato la situazione.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, 132 i casi accertati: 26 ricoveri in terapia intensiva, effettuati oltre 3000 tamponi

“Visto l’andamento del quadro epidemiologico in via precauzionale, vista l’alta mobilita’ degli studenti, in accordo con il ministero dell’Universita’ e della Ricerca scientifica e le nostre Universita’ abbiamo deciso insieme la sospensione dell’attivita’ didattica (lezioni, esami, sedute di laurea) in tutti gli atenei dell’Emilia-Romagna da domani, lunedi’ 24, a sabato 29 febbraio compresi”. Lo dice il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che ha riunito la Cabina di coordinamento regionale.

“Inoltre, stiamo valutando la chiusura di ogni scuola di ordine e grado, asili nido, impianti sportivi pubblici e privati e dei musei. Decisione che – aggiunge- stiamo esaminando e definendo in tutti i suoi aspetti, anche alla luce dei provvedimenti varati dal Consiglio dei ministri ieri sera”.

“Nella riunione della Cabina di coordinamento regionale- prosegue Bonaccini- abbiamo deciso di sottoporre al test del Coronavirus tutti i pazienti con polmonite ricoverati negli ospedali della regione e i pazienti che dovessero essere ricoverati. Potenziamo i laboratori nei quali vengono svolti i test tampone, a Bologna e Parma”.

“Abbiamo inoltre individuato nella Rems di Reggio Emilia – aggiunge- la struttura nella quale accogliere pazienti da isolare che non abbiano nelle loro abitazioni le condizioni per l’isolamento domiciliare”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

23 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»