“Mamma, ho mal di pancia”, i consigli dell’Ospedale Bambino Gesù

E’ tra i disturbi più segnalati dai bambini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – E’ tra i disturbi più segnalati dai bambini: si tratta del mal di pancia. L’argomento è al centro del numero di febbraio di ‘A scuola di salute’, il magazine digitale mensile a cura dell’Isba (Istituto per la salute) dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù. Nel magazine sono presenti guide e approfondimenti sui numerosi tipi di mal di pancia nei bambini, un articolo sul colon irritabile e un focus sulle relative componenti psicologiche.

“Un’attenzione particolare è stata prestata all’età nella quale si accusano i disturbi. Il bambino, rispetto ai lattanti, può aiutare di più a descrivere, localizzare la zona del dolore. Il medico sarà così in grado di formulare un’ipotesi diagnostica e richiedere esami specifici”, si legge in un comunicato dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Presente un ‘focus’ sui segnali allarmanti del mal di pancia: dolore in un punto ben preciso; dolore acuto e continuo che causa il risveglio notturno; febbre; diarrea; vomito accompagnato da dolore o infiammazione rettale o intorno all’ano e sangue nelle feci.

“Il mal di pancia in età pediatrica, tuttavia, può anche essere causato da un dolore psichico che si è trasformato in fisico. Ad esempio- continua il comunicato- per via di un disagio emotivo che il bambino non sa esprimere a parole. Sotto l’aspetto psicologico possono osservarsi nei bambini con il Dar (dolore addominale ricorrente) la presenza di stati emotivi quali rabbia, gelosia, oppure ansia di separazione“.

In chiusura di questo numero un video sulle tonsille: cosa sono, se e quando è il caso di toglierle. Nel magazine di gennaio è stato affrontato l’argomento del piercing e dei tatuaggi, con i consigli per adolescenti e famiglia sui rischi e sulle buone pratiche da osservare. (LEGGI ANCHE Tatuaggi e piercing, i consigli della dermatologa)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»