Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, stretta in Germania: night chiusi e stadi senza pubblico

ospedale coronavirus
Secondo l'Oms, omicron è già dominante in Gran Bretagna, Danimarca e Portogallo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nuove misure restrittive, con limiti al numero dei partecipanti agli incontri privati e divieto di pubblico in occasione di partite o manifestazioni sportive, entreranno in vigore in Germania dopo Natale per far fronte a un aumento dei casi di contagio da Covid-19. Ad annunciare le disposizioni, concordate con i governatori dei 16 “lander” del Paese, è stato il cancelliere Olaf Scholz.

Dal 28 dicembre, discoteche e nightclub saranno temporaneamente chiusi. Agli incontri privati, e solo nel caso di partecipanti vaccinati o che siano guariti dal nuovo coronavirus, potranno presenziare un massimo di dieci persone. Alle manifestazioni sportive, comprese le partite di calcio, non potranno poi assistere spettatori.

Norme più restrittive per far fronte all’aumento dei contagi, dovuti in particolare alla variante omicron, sono state annunciate oggi da diversi governi d’Europa. Tra questi, oltre alla Germania, la Svezia e il Portogallo. Durante una conferenza stampa, questa sera, Scholz ha detto: “Ci vorranno solo poche settimane perché qui omicron diventi dominante”.

A esprimere preoccupazione anche il responsabile per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Hans Kluge, che ha invitato a prepararsi a “una crescita significativa” dei casi di Covid. Secondo l’Oms, omicron è già dominante in Gran Bretagna, Danimarca e Portogallo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»