Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Entro il 2018 il Campidoglio chiuderà tutti i residence: “Estenderemo il buono casa”

I 'residence' sono centri di assistenza alloggiativa temporanea. A Roma se ne contano 21
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

campidoglio (1)ROMA – I Caat del Comune di Roma, i centri assistenza alloggiativa temporanea meglio noti come residence, saranno tutti chiusi entro il 2018. I primi sette, sui 21 oggi esistenti, entro il 2017. È quanto emerge dalla riunione congiunta delle commissioni Patrimonio e Politiche sociali, convocate sul tema del buono casa, a cui hanno partecipato il direttore del dipartimento Erp, Aldo Barletta, la presidente della commissione Politiche sociali, Maria Agnese Catini, e quella della commissione Patrimonio, Valentina Vivarelli.

Dunque l’obiettivo del dipartimento, ha spiegato Barletta, “è chiudere 7 Caat entro il 2017 e tutti e 21 nel triennio entro il 2018 estendendo il sistema del buono casa“. Lo strumento del buono casa, ha chiarito lo stesso Barletta, è operativo dall’autunno 2015. “Con i buoni casa- ha aggiunto- si spende un terzo rispetto a quanto si spendeva prima” con i residence.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»