Raggi: “Vogliamo lanciare su Internet imprese Made in Rome”

"E' una grande occasione che non possiamo mancare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Vogliamo lanciare sul web le aziende del ‘made in Rome’. Abbiamo approvato in Giunta un provvedimento per supportarle agevolandone la presenza sulle piattaforme e-commerce leader di settore”. Lo scrive su facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi.

“La promozione internazionale delle nostre eccellenze- spiega- passerà per le piattaforme del commercio online, che hanno avuto riscontri eccezionali. Se nel 2017 l’e-commerce italiano ha fatturato 23,5 miliardi di euro, il ritorno atteso per quest’anno dal canale internet è addirittura di 27 miliardi. Una grande occasione che non possiamo mancare”.

Per la sindaca “visibilità e presenza delle imprese romane sui mercati internazionali sono determinanti, soprattutto quando si parte con una marcia in più: la qualità, punta di diamante delle produzioni locali. Penso alla gastronomia tipica, all’alta moda, all’artigianato. Tutti settori che a Roma vantano storia, tradizioni e know how senza pari nel mondo. Ma vanno valorizzati, diffusi e pubblicizzati. Bisogna renderli competitivi su scala globale moltiplicando i contatti fra produttori e pubblico internazionale. Con un imperativo: stimolare la domanda del ‘made in Rome’ e sostenere le nostre aziende. Innovazione e sviluppo per incentivare crescita e occupazione. Lavoriamo per chi lavora, siamo al fianco di crea valore”.

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»