fbpx

Agricoltura, Arsial celebra con chef Iside De Cesare le eccellenze della Tuscia

ROMA – Le eccellenze del Lazio direttamente dal produttore al consumatore, passando per le sapienti mani della chef stellata Iside De Cesare, in una cena per celebrare i sapori della Tuscia. Secondo appuntamento, organizzato da Arsial, nei locali della Compagnia del Pane di via Fabio Massimo, a Roma, nel quadro di una serie di eventi e iniziative per la promozione dei prodotti agroalimentari del Lazio.

Ad accogliere gli ospiti è stato un ricco buffet da aperitivo con una selezione di prodotti d’eccellenza del Lazio, tra cui pecorino stagionato in grotta, pizza bianca romana, pomodoro torpedino e prosciutto di Bassiano.

“Un menù con prodotti non solo della Tuscia, ma di tutto il Lazio- ha spiegato De Cesare- Sono felice di cucinare qui a Roma il nostro uovo alla carbonara, che è il simbolo del mio ristorante ‘La Parolina’, ma che rappresenta anche il cordone ombelicale con la città in cui sono nata. Proseguiamo con la lenticchia di Onano in versione caviale e con un gelato di panzanella che è un omaggio all’estate che speriamo arrivi presto. Il primo è un risotto con gli asparagi di Canino, seguito da spaghetti alla chitarra fatti in casa con un ragù di pollo e una salsa di peperoni e pomodorino. Per finire i piatti salati, baccalà aglio, olio e peperoncino, con l’aglio rosso di Proceno. Per terminare in dolcezza, un gianduiotto con la nocciola tonda e gentile romana e della piccola pasticceria che è una passeggiata nella nostra Italia”.

Per la promozione del territorio è fondamentale fare rete, pur non essendo un’operazione semplice da mettere in campo, come ha ricordato Niccolò Marzotto, amministratore delegato di Vyta, l’enoteca regionale del Lazio: “Portare i prodotti di eccellenza sulle tavole di una città come Roma non è una cosa semplice- ha sottolineato- perché le produzioni di altissima qualità sono assolutamente piccole e poco conosciute. Riuscire a incentivare e a dare il giusto prezzo ai prodotti, al lavoro e al sacrificio non è così semplice, quindi è necessario che tutti collaborino insieme, dalla Regione fino agli operatori, per presentare questi prodotti al meglio. Per far vedere quanto amore è stato profuso nella coltivazione e nella produzione dei prodotti che vengono poi dopo offerti nei nostri locali”.

A questo secondo appuntamento ne seguiranno altri, come ha ricordato il presidente di Arsial, Antonio Rosati: “Sono in programma altre serata con altri grandi protagonisti della nostra cucina. Questo per far conoscere a giornalisti, operatori, rappresentanti delle ambasciate – in questa occasione abbiamo avuto l’onore di avere presente una delegazione del Vietnam – il nostro straordinario patrimonio enogastronomico. A partire dagli oli extravergine di oliva, fino ai nostri vini, che Iside ha selezionato per abbinarli alle varie portate. È un modo per far conoscere in profondità queste grandi straordinarie eccellenze regionali insieme agli Istituti alberghieri, agli istituti agrari, agli insegnanti, ai professori, ai ragazzi per fare sistema in quella che noi chiamiamo economia della bellezza. Turismo, cultura e cibo in una grande location naturale che è la nostra città, il più grande mercato nazionale a cui noi dobbiamo guardare con grande attenzione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

22 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»