L’Aspromonte entra ufficialmente nella rete mondiale dei Geoparchi Unesco

parco dell'aspromonte
La ratifica della candidatura del parco calabrese è avvenuta oggi nel corso del digital event che ha riunito 160 Paesi in tutto il Mondo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – L’Aspromonte entra a far parte dell’Unesco Global Geoparks, la rete mondiale dei Geoparchi Unesco. L’ufficializzazione è avvenuta oggi nel corso del digital event che ha riunito 160 Paesi in tutto il Mondo, e che ha ratificato la candidatura del parco calabrese. Con la particolarità delle sue rocce, l’Aspromonte ha una storia geologica di estremo rilievo che ha permesso di avviare il percorso di candidatura all’Unesco nel 2017, pensato dall’Ente Parco presieduto allora da Giuseppe Bombino, promuovendo le peculiarità del massiccio d’Aspromonte che rivelano una storia antica, complessa, unica.

L’ingresso nella rete mondiale dei Geoparchi Unesco consentirà al Geoparco Aspromonte, guidato oggi da Leo Autelitano, di valorizzare il prezioso patrimonio: 8 geositi di rilevanza internazionale, 89 geositi censiti, le sue specificità culturali, identitarie e naturalistiche. Il riconoscimento Unesco Global Geopark è nuova occasione di valorizzazione del patrimonio geologico in stretta connessione con quello naturale e culturale, che può portare importanti ricadute in termini sociali ed economici sul territorio, anche e soprattutto in chiave turistica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»