fbpx

Tg Lazio, edizione del 22 aprile 2020

CORONAVIRUS: NEL LAZIO 80 NUOVI CASI, 7 DECESSI E 12 GUARITI

Nel Lazio sono 80 i nuovi casi di positivita’ al coronavirus, 7 i decessi, 12 i pazienti guariti mentre escono oggi dalla sorveglianza in 18.381. I numeri sono emersi durante la videoconferenza odierna della task-force regionale per il Covid-19 alla presenza dell’assessore regionale alla Sanita’, Alessio D’Amato. “Prosegue un andamento stabile sotto i 100 casi e un trend al 1,3%- ha spiegato l’assessore- Dobbiamo proseguire e stabilizzare questa discesa. Il tasso di replicazione del virus è allo 0,58”.

CORONAVIRUS, A FIUGGI SCOPERTA TERZA CASA RIPOSO ABUSIVA

Una casa di riposo abusiva è stata scoperta a Fiuggi da parte della Asl di Frosinone. E’ la terza in una settimana, questa volta direttamente all’interno di un hotel che pubblicizzava servizio medico e infermieristico senza alcun tipo di autorizzazione per esercitare attivita’ socio-assistenziali per anziani. “Si tratta di un fatto molto grave- ha detto l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato- e’ stato richiesto al sindaco del Comune di emettere un’ordinanza urgente nei confronti dei legali rappresentanti dell’hotel raccomandando il trasferimento degli ospiti, circa 20, presso le strutture idonee. Della richiesta e’ stata informata la Questura di Frosinone”.

CORONAVIRUS, CNA ROMA: A RISCHIO CHIUSURA 40% IMPRESE

La stima delle imprese a rischio chiusura per alcuni settori “si aggira anche al 40% e questo riguarda soprattutto commercio e gelaterie, ma non va molto meglio nemmeno per il comparto della ristorazione, dell’acconciatura, dell’estetica e della toelettatura di animali che si attesta intorno al 30%. E’ quanto rivela uno studio del Cna di Roma che lancia l’allarme anche per quel che riguarda il calo dei fatturati che potrebbe raggiungere l’85% in molti settori, tra cui alberghi, centri di bellezza e servizi su strada. “Serve un sostegno concreto- ha spiegato il presidente Michelangelo Melchionno- la semplice riapertura non basterà”.

ROMA, CONFISCATO PATRIMONIO CLAN SPADA: VALORE OLTRE 18 MILIONI

Maxi sequestro da parte della Guardia di Finanza di Roma ai danni del clan spada a cui sono stati confiscati beni per 18 milioni di euro. Tra questi, 19 societa’, 2 ditte individuali, 6 associazioni sportive/culturali, 2 immobili e 13 automezzi. L’operazione costituisce l’epilogo dell’attività investigativa coordinata dalla Direzione Antimafia della Procura di Roma e sancisce l’acquisizione da parte dello Stato dell’ingente patrimonio mobiliare e immobiliare del clan, considerato provento di attività criminali quali, usura, spaccio di stupefacenti, estorsione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

22 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»