hamburger menu

Ventilazione nelle scuole, Baldelli: “Marche apripista, Governo investa 2 miliardi”

L'assessore Latini: "Il ministero dell'Istruzione segua l'esempio virtuoso della Regione"

baldelli marche ventilazione scuole

ANCONA – “Le Marche hanno voluto essere apripista rispetto a chi proponeva banchi a rotelle”. Così l’assessore regionale all’Edilizia scolastica, Francesco Baldelli, commenta lo studio condotto dalla Fondazione David Hume in collaborazione con la Regione Marche sull’efficacia degli impianti di ventilazione meccanica controllata nelle aule scolastiche, per abbattere il rischio contagio da Covid-19. L’indagine ha coinvolto 10.441 classi marchigiane, di cui 10.125 senza impianto e 316 con impianti.

Con la ventilazione meccanica controllata era possibile contenere meglio il Covid e soprattutto evitare un uso eccessivo della didattica a distanza che tanti danni ha causato all’educazione dei nostri ragazzi anche sotto il profilo psicologico – aggiunge Baldelli -. I dati dello studio presentato ci confortano sulla scelta della nostra Regione. Noi andremo a coprire circa il 20% degli studenti delle classi marchigiane con i finanziamenti stabiliti dall’assessorato alle Infrastrutture e l’Edilizia scolastica della giunta regionale, ma chiediamo al Governo un investimento in campo nazionale di circa 2 miliardi, l’1% del Pnrr”.

Le Marche sono l’unica Regione italiana ad aver investito sulla tecnologia di riduzione degli elementi inquinanti nell’aria all’interno delle scuole. A febbraio 2021 la Regione ha finanziato un bando per l’acquisto e l’installazione degli impianti Vmc nelle aule scolastiche, investendo, 9 milioni di euro. Risorse stanziate a favore di Comuni e Province (proprietari delle scuole nel proprio territorio) in tre tranche: la prima da 2 milioni di euro nel febbraio 2021, la seconda da 4 milioni di euro a luglio 2021 che è in corso di erogazione e altri 3 milioni di euro a carico del bilancio 2022.

baldelli marche ventilazione scuole

“Questo primo report – aggiunge l’assessore regionale all’Istruzione, Giorgia Latini – conferma che la nostra strategia è giusta, in attesa che anche il ministero segua l’esempio virtuoso della Regione. Gli impianti di purificazione dell’aria e gli impianti di ventilazione meccanica sono uno strumento per evitare il ritorno in Dad e limitare la diffusione del virus. Abbiamo investito sull’installazione di impianti di ventilazione meccanica controllata e di sanificazione dell’aria nelle scuole per un totale di 12 milioni di euro. Siamo in uscita con un bando da 1,8 milioni per la sanificazione dell’aria nelle aule”.

Le Marche, secondo Latini, sono una Regione pilota in Italia. “E vorremmo migliorare l’efficacia del nostro modello – conclude -. Per questo ho proposto e porterò in giunta la proposta di costituire un Comitato tecnico-scientifico che possa aiutarci a rilevare i risultati delle misure attuate“.

Presente alla conferenza stampa di oggi per illustrare i risultati dello studio condotto dalla Fondazione Davide Hume anche l’assessore alla Sanità, Filippo Saltamartini. “Questo è un progetto davvero significativo e importante – spiega – che dimostra non solo quanto la nostra Regione sia stata innovativa a livello nazionale ma addirittura internazionale. Questa misura va ad aggiungersi alle altre che abbiamo adottato sempre da precursori: l’uso degli anticorpi monoclonali, la vaccinazione nei palazzetti, non per ultimo la produzione di medicinali anti-Covid nella nostra regione a cura di Pfizer”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-04-25T17:55:10+02:00