Coronavirus, lieve calo delle vittime: 651 morti, 5.476 in totale. “Questa settimana sarà cruciale”

Ecco i dati della Protezione civile sull'epidemia di coronavirus in Italia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Sono 651 i deceduti per l’epidemia di coronavirus nella giornata di oggi, un dato che porta il totale dei decessi a 5.476. I contagiati salgono di 3.957 unità, per un totale di positivi di 46.638. Di questi, sono 23.783 le persone in isolamento mentre sono 3.000 i ricoverati in terapia intensiva, pari al 6%. I guariti sono 952, per un totale di 7.024. Lo ha detto il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, durante la quotidiana conferenza stampa per l’aggiornamento sull’epidemia da coronavirus in Italia.

Il calo del numero giornaliero di contagi e’ “un segnale che cogliamo soprattutto perche’ comincia ad avvicinarsi alla distanza temporale a cui ci aspettiamo di vedere i segni tangibili dell’efficacia delle misure intraprese”. Lo dice Franco Locatelli, direttore del Consiglio Superiore di Sanita’, in conferenza stampa. Ieri l’aumento dei positivi al Coroavirus era stato di 4.821 persone mentre le vittime 793.

“Dopo quanto e’ stato comunicato dal premier Conte – aggiunge- siamo arrivati al massimo delle misure di prevenzione del contagio in termini di attivita’ sociali piuttosto che lavorative”.

“La settimana che inizia domani sara’ assolutamente cruciale. Ci aspettiamo di vedere finalmente un’inversione di tendenza”, aggiunge Locatelli. “Adesso e’ il momento per trarre ancora piu’ motivazione per proseguire comportamenti individuali che ci permetteranno di prevenire la diffusione del virus e soprattutto un allargamento a regioni che non configurano a oggi uno scenario impegnativo come quello di Lombardia, Piemonte e Emilia Romagna”.

Il direttore del Consiglio superiore di sanita’ Franco Locatelli sottolinea poi l’importanza di evitare “il contagio interfamiliare”. “Mi corre l’obbligo di sottolineare che e’ fondamentale quanto piu’ possibile implementare nei contesti familiari misure stringenti nel contenimento dei soggetti che sono risultati positivi al coronavirus. E’ un altro sacrificio che si chiede a questo paese ma e’ importante. Facciamo appello ai nostri cittadini che sono positivi al coronavirus: limitino i contatti sempre di piu’ per interrompere la catena di trasmissione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»