In Senegal la sfida delle donne: “Opportunità, non emigrazione” VIDEO

La DIRE ha intervistato,a a Casablanca, Yayi Bayam Diouf, fondatrice del 'Collettif des femmes pour la lutte contre l'emigration clandestine au Senegal'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CASABLANCA (Marocco) – Yayi Bayam Diouf indossa un vivace abito giallo, ma la sua voce porta ancora i segni del lutto. E’ la fondatrice del ‘Collettif des femmes pour la lutte contre l’emigration clandestine au Senegal’. Il suo discorso durante la conferenza ‘Crans Montana Forum’, che si è concluso ieri a Casablanca, si è aperto con un minuto di silenzio per ricordare le persone morte durante il percorso migratorio.


“La nostra struttura è nata in seguito alla sparizione di un centinaio di giovani migranti senegalesi nel Mediterraneo, dopo che avevano tentato un viaggio di fortuna attraverso la Mauritania, il Marocco e la Spagna per cercare una vita migliore” racconta Diouf.

“Io avevo un solo figlio ed è sparito in questa tragedia”. “Dopo aver vissuto questo dramma – afferma la fondatrice del ‘Collettif’ – mi sono detta che bisognava cominciare a organizzarci perché la voce delle donne fosse ascoltata e i giovani sensibilizzati, ma anche per trovare alternative credibili per questi ragazzi nei loro Paesi di origine e per accompagnarli nel progetto migratorio”.

Un progetto seguito fino in fondo, racconta Diouf: “Ho iniziato a mettere in piedi strutture e micro-imprese per rinforzare le attività generatrici di reddito per donne e giovani”. Uno degli errori compiuti finora, secondo la fondatrice del ‘Collettif des femmes pour la lutte contre l’emigration clandestine au Senegal’, è l’attribuzione alle donne delle responsabilità del fenomeno migratorio: “Si è detto che sono loro a incoraggiare i figli a partire, ma la nostra è una comunità patriarcale, nessun membro della famiglia può uscire senza l’autorizzazione del padre. Anche per questo è stato molto difficile mettere in piedi le strutture dell’associazione; una delle mie più grandi soddisfazioni è che ho fatto di un trafficante e sfruttatore di uomini un commerciante di frutti di mare”.

Secondo Diouf, una delle cause principali dell’emigrazione dal Senegal, sono proprio gli accordi sulla pesca con l’Unione Europea: “I nostri governi hanno firmato accordi sulla pesca con l’Ue” denuncia la fondatrice del ‘Collettif’. “Ma la forte disoccupazione delle nostre regioni è dovuta anche alla pesca intensiva e allo sfruttamento delle nostre risorse”.

di Giulia Beatrice Filpi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»