Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

‘Liberiamo i nostri figli’: sit-in a Roma su allontamento minori

L'appuntamento è a piazza Monte Citorio martedì 26 gennaio dalle 9 alle 14
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Martedì 26 gennaio, a piazza Monte Citorio, dalle 9 alle 14, è previsto il sit-in ‘Liberiamo i nostri figli‘, promosso dall’associazione ‘Verità altre‘ e rivolto a tutti i genitori che hanno perso o rischiano di perdere i figli nelle maglie della giustizia minorile o dei servizi sociali. “Vi porteremo a conoscere come si misurano le parole democrazia e libertà. Due parole magiche, usate come il pane e l’acqua”, ha detto il presidente dell’associazione e avvocato, Carlo Priolo, che tante mamme, accusate di alienazione parentale, sta seguendo. Tra le quali il caso, ormai celebre, di mamma Giada Giunti.

“Il caso ha voluto- ha spiegato Priolo- che ho incontrato anonimi eroi del quotidiano dimenticati” come i tanti genitori ai quali il sit in rivolge l’appello di “unirsi”. “Chiedetelo al figlio di Giada Giunti, un bambino- ha dichiarato, a proposito degli allontanamenti dei minori- che ho incontrato al crocevia del destino quando ormai il viaggio si era fatto corto, per dirla con le parole di Oriana Fallaci”. Priolo ha concluso riportando questi eventi in una cornice attuale che definisce di “paralisi morale, causata dalla politica e dalla religione del tornaconto personale, dal vandalismo istituzionale, di un tempo che fugge dalla libertà”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»