Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Asl Roma 6: “L’ospedale dei Castelli è un punto di riferimento per i territori limitrofi”

Performance eccellenti in 7 mesi grazie a nuova programmazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In un tempo breve l’Ospedale dei Castelli, dal 13 dicembre 2018, giorno in cui è stato attivato, al 31 luglio 2019, ha registrato numeri da record totalizzando ben 4.225 ricoveri, 26.132 accessi in Pronto soccorso, 295 parti, 1.665 procedure chirurgiche, 38.000 prestazioni ambulatoriali e 115.000 prestazioni di laboratorio analisi.

“In 7 mesi di attività l’Ospedale dei Castelli ha raggiunto numeri di produzione e una qualità delle performance di assistenza assolutamente ragguardevoli, che dimostrano come tutta l’azienda abbia messo in campo una resilienza, una capacità di adattamento al nuovo e un’abilità organizzativa davvero eccezionali. Questo è ciò di cui la Asl Roma 6 e il Sistema sanitario regionale sono capaci”, dice Narciso Mostarda, Direttore generale della azienda sanitaria dei Castelli e del Litorale a sud di Roma. Di tutti i pazienti che hanno effettuato un accesso in Pronto soccorso presso l’Ospedale dei Castelli, circa il 20% sono risultati residenti in comuni non afferenti alla Asl Roma 6, mentre l’80% sono risultati residenti nel territorio dei Castelli romani. Questi dati evidenziano non solo che l’Ospedale dei Castelli ha arginato il fenomeno della migrazione sanitaria, ma che il nuovo nosocomio è già diventato, a meno di un anno dalla sua attivazione, un polo di attrazione anche per i cittadini dei territori limitrofi.

“E’ doveroso, inoltre”, sottolinea Mostarda, “smentire quanto affermato nei giorni scorsi da alcune note stampa: solo il 7% dei pazienti arrivati al Pronto soccorso dell’Ospedale dei Castelli è stato trasferito presso strutture accreditate con il Servizio Sanitario Regionale. Il 55% è stato dimesso a domicilio, il 12% è stato avviato a percorsi di cura ambulatoriali e oltre il 10% è stato ricoverato presso le unità operative dello stesso Ospedale dei Castelli”.

“Ricordiamo infine- si legge nel comunicato diffuso dalla Asl Roma 6- che con un decreto dello scorso 1 agosto del Commissario ad acta Nicola Zingaretti, è stato predisposto l’ampliamento, di 52 posti letto, della capacità ricettiva dell’Ospedale dei Castelli, che determineranno la seguente configurazione: 37 posti letto in Medicina generale, 23 in Chirurgia generale, 22 in Ostetricia e Ginecologia, 20 in Cardiologia, 19 in Ortopedia, 18 in Psichiatria, 11 in Medicina d’urgenza, 10 in Pediatria, 8 in Day Surgery multispecialistico, 6 in Day Hospital multispecialistico, 6 in Neonatologia e Patologia Neonatale, 4 in Terapia intensiva, 3 in Nefrolologia, 2 in Unità di Terapia intensiva Cardiologica. Ai 137 posti letto attuali e ai 17 posti letto di Dialisi dunque se ne aggiungeranno altri 52, che porteranno l’Ospedale dei Castelli a 206 posti letto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»