A Bologna maratona notturna di oratori per idee sul futuro dell’Italia

Parteciperanno l'arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi, l'ex premier, Romano Prodi, e l'europarlamentare uscente, Elly Schlein
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Una maratona notturna, dalle 22 alle 3 di notte, e cinque minuti per raccontare la propria storia: racconti diversi di un’Italia che esiste e che potrebbero servire per ‘illuminare’ il futuro del Paese. Si chiama “Mappa celeste dell’Italia che c’è“, la serata organizzata dal Forum per il futuro, che nasce dall’unione di otto festival italiani sui temi dell’economia e del sociale, che domani farà tappa a Bologna, negli spazi di Dynamo Velostazione.

Che cosa, tra le esperienze bolognesi, crea valore e attira verso un futuro desiderabile?“. E’ la domanda da cui partiranno gli interventi degli speaker invitati a raccontare le loro ‘buone pratiche’ sul territorio, che saranno suddivisi in tre cicli, alle 22, 23.30 e alle 00.30. Parteciperanno col loro saluto, in momenti diversi della nottata, l’arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi, l’ex premier, Romano Prodi, e l’europarlamentare uscente, Elly Schlein.

“Solstizio dopo solstizio, equinozio dopo equinozio, per uscire dal presentismo e affrontare insieme le fatiche e le attese dell’alba costruendo uno spazio in cui elaborare contenuti e idee per costruire benessere, ridurre le diseguaglianze, affrontare i problemi più duri dell’Italia”, scrivono gli organizzatori. L’obiettivo è raccogliere esperienze pratiche così da porter creare “una costellazione” di idee per l’Italia del 2030. Per la serata di domani c’è ancora spazio per candidarsi a raccontare la propria storia o segnalarne altre. Nel pomeriggio sarà reso noto l’elenco completo degli speakers.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»