Brusaferro: “Avanti col distanziamento sociale”

ll Direttore dell'Istituto Superiore di Sanità esclude la possibilità di eventi di aggregazione nel prossimo futuro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – ”Credo che i punti essenziali che dobbiamo avere in mente sono due: da una parte dobbiamo iniziare con grande cautela, a piccoli passi, a sperimentare aperture partendo dalle cose più essenziali che ci servono al nostro contesto sociale e misurare l’impatto che questi piccoli passi provocano in termini di circolazione dell’infezione. Questo ci porta al secondo punto che è quello di avere un sistema di monitoraggio molto stretto, molto puntale, molto tempestivo, stringente a livello delle realtà locali”. Cosi’ il prof. Silvio Brusaferro, Direttore dell’Istituto Superiore di Sanità, ad Agorà Rai Tre, condotto da Serena Bortone, sulle modalità di riapertura delle attività.

LEGGI ANCHE: Conte: “Piano per le riaperture entro la settimana, si applica dal 4 maggio”

“ESCLUDERE LE AGGREGAZIONI”

”In questo momento dobbiamo escludere tutte quelle attività che prevedono aggregazioni, quindi presenza in contemporanea di centinaia o migliaia di persone in spazi ristretti e in spazi chiusi, fino a quando non avremo un vaccino”.

“IL DISTANZIAMENTO FISCO VA MANTENUTO”

“Grandi eventi per grandi concerti o grandi raduni nelle piazze o cose del genere queste sono attività che tutti siamo consapevoli sono oggi attività che metterebbero a rischio le persone che vi partecipano, ma soprattutto le persone che tornando a casa contattano altre persone. Dovremo mantenere quello che chiamiamo distanziamento fisico”.

“IMPORTANTE LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE CON L’INFLUENZA”

”Ci sono patologie delle vie respiratorie, l’influenza è una di queste, che hanno sintomatologie simili a quelle del COVID. E’ chiaro che in stagione influenzale questa diagnosi differenziale diventa importante. Nella stagione attuale l’influenza ha finito il suo picco ormai è quasi scomparsa ed è evidente che le sintomatologie di tipo respiratorio sono prevalentemente legate alla patologia COVID”.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»