Pizza bianca patrimonio da tutelare, Assopanificatori in piazza

Il comitato creato da Assopanificatori Confesercenti ha riunito i produttori offrendo a turisti e passanti la pizza bianca della capitale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La pizza bianca romana diventa patrimonio da tutelare. Oggi in piazza Madonna dei Monti, a Roma, il comitato creato da Assopanificatori Confesercenti ha riunito i produttori offrendo a turisti e passanti la pizza bianca della capitale. Molti i turisti e i romani che non si sono lasciati la ghiotta opportunita’ di assaggiare la tradizionale prelibatezza. L’ iniziativa si rivolge ai panificatori di Roma e ai cittadini che desiderano preservare la tradizione della pizza romana. “Queste iniziative fanno bene al turismo- spiega Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della fondazione UniVerde- perche’ l’attrattiva dell’Italia e’ anche la qualita’ dei prodotti enogastronomici e fa bene all’agricolutra, perche’ usano prodotti tipici del territorio a km 0”. Tra i presenti, il presidente del Comitato Remo Girone, il presidente Isscon Rosario Trefiletti, il presidente Assopanificatori Roma, Giancarlo Giambarresi, il presidente Confesercenti Roma, Walter Giammaria, il presidente nazionale Assopanificatori Davide Trombini, il presidente nazionale Federconsumatori Emilio Viafora, il presidente fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio, il direttore nazionale Fiesa Confesercenti Gaetano Pergamo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»