Zaia contro i migranti: “Più aumentano, più crescono i reati”

VENEZIA - Più aumenta il numero di migranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


VENEZIA – Più aumenta il numero di migranti sul territorio, più aumenta il numero dei malfattori. Ad evidenziare l’equazione è il governatore del Veneto Luca Zaia, secondo cui “i segnali sono inquietananti e univoci”. La prova è che continuano ad aumentare “i reati commessi da persone immigrate, che di certo non sfuggono né dalla fame, né dalla guerra, né dalle discriminazioni, ma semplicemente hanno capito che l’Italia è il ventre molle del mondo intero e che pagare per un reato commesso è purtroppo l’eccezione che conferma la regola”, afferma Zaia.

Prima di “indicare presunti modelli virtuosi e premiare Prefetture efficienti”, bisognerebbe capire come stanno le cose a Cona, Bagnoli e Agna, guardare “l’insulto al buonsenso della Caserma Serena di Treviso”, chiedere “alla brava gente che frequentava i parchi di Mestre prima che decine di sedicenti profughi si appropriassero del racket e dello spaccio di droga”. O, ancora, a “chi frequenta Venezia, destinazione turistica mondiale, dove in poche settimane risultano raddoppiati gli immigrati che mendicano”. Se le cose ci stanno sfuggendo di mano, è “grazie all’ipocrisia buonista italiana e al razzismo istituzionale europeo“, conclude il governatore del Veneto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»