VIDEO | Tram Bologna, contestazione per Merola. E c’è chi sbotta: “Mantenga la parola o le taglio una palla”

A VPN is an essential component of IT security, whether you’re just starting a business or are already up and running. Most business interactions and transactions happen online and VPN
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Il sindaco di Bologna, Virginio Merola, si affaccia a Borgo Panigale e prontamente scatta la contestazione dei residenti contrari alla realizzazione della tranvia. Un gruppetto di no-tram, infatti, stamattina ha aspettato il sindaco all’ingresso della scuola elementare Lipparini di via Bufalini, dove Merola era atteso per la messa a dimora di alcuni alberi.

Il sindaco è stato accolto con dei “vergogna“, qualche bandiera del comitato “Attacchiamoci al tram” e un cartello uguale a quelli affissi di recente sugli alberi che saranno rimossi per i cantieri: “Condannato a morte per intralcio al tram. Vi prego, cittadini, salvatemi”. I no-tram, in particolare, hanno accusato Merola di presentarsi a Borgo Panigale per piantare degli alberi, mentre altri saranno tagliati a causa del tram. Il sindaco, però, ribatte che gli alberi saranno sostituiti e con piante “che durano”.

Poi il botta e risposta tocca gli altri temi sul tavolo. “Io ho un negozio di vernici e ferramenta”, dice la signora più attiva del gruppo: “Chiudiamo un negozio che ha 60 anni di vita? E’ storico il nostro negozio”. Ma Merola assicura: “Non lo chiuderete”. Poi si passa ai parcheggi. “Abbiamo detto che li facciamo”, rassicura il primo cittadino. “Ma in via Riva Reno dove li fate?”, non si fida un no-tram. “Li faremo. Sono previsti dal progetto”, tiene il punto Merola. Che poi passa al contrattacco: “Siete interessati ad avere un confronto con me e ad entrare nel merito? Avete parlato già con tutti, sapete tutte le risposte, adesso pensate che parlando con me la cosa cambi”. Perchè “lei è il boss”, replica la signora del negozio di vernici. “Facciamo che io sono il boss, ci troviamo- propone il sindaco- e fissiamo un appuntamento. Però decidete in quanti venite”.

La signora, a questo punto, allenta decisamente il freno. “Se non mantiene quello che dice io le taglio la palla sinistra“, dice rivolgendosi a Merola: “Tanto cosa se ne fa? Ma no, è giovane e la può usare ancora”. Il tono è abbastanza bonario e Merola non si scompone troppo: “Signora, la prego…“. Il sindaco si sofferma ancora un po’, promettendo che l’incontro si farà “presto” e che “stamattina vi faccio chiamare dalla mia segretaria”. Però “noi veniamo da lei se si rimangia la parola”, insiste sempre la stessa no-tram. Altre residenti, in sottofondo, si fanno sentire con lamentele sul “degrado” del quartiere e qualche insulto alle sardine.

 

NALDI: CONTESTATORI? CON LORO GIÀ ORE DI INCONTRI

I no-tram che stamattina hanno contestato il sindaco di Bologna, Virginio Merola, in via Bufalini? Sono persone che hanno già avuto modo di “approfondire tutti i temi” con l’amministrazione comunale e i tecnici impegnati sulla progettazione della tranvia. Lo segnala il presidente del quartiere Borgo Panigale-Reno, Vincenzo Naldi, che stamattina era insieme a Merola fuori dalle scuole Lipparini (prendendosi anche lui una dose di critiche). I contestatori che hanno affrontato Merola “sono una quota parte dei commercianti di via Marco Emilio Lepido- afferma Naldi- che hanno avuto modo di approfondire tutti i temi, non solo nei momenti pubblici dedicati al confronto con la cittadinanza, ma hanno avuto anche degli incontri specifici con l’assessore Irene Priolo, il sottoscritto, i tecnici del Comune che sono dedicati al progetto del tram e i tecnici che lo stanno redigendo”. Si parla di “incontri approfonditi di oltre quattro ore”, aggiunge Naldi, che si sono svolti “in Comune e con le associazioni di categoria”. Insomma, “è ovvio che poi le posizioni sono quelle che ognuno esprime- conclude il presidente del Quartiere- ma l’approfondimento dei documenti insieme a loro c’è stato”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»