Nigeria, raid di Boko Haram: scomparse 111 ragazze, esercito riesce a liberarne alcune

L'incursione si e' verificata lunedi', a Dapchi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AGGIORNAMENTO 22/02/2018 – ESERCITO SALVA ALCUNE DELLE 111 STUDENTESSE RAPITE IERI

Alcune delle 111 ragazze nigeriane scomparse dopo l’attacco sferrato da Boko Haram in una scuola a Dapchi sono state tratte in salvo dall’esercito: lo scrive l’emittente ‘Bbc’, che cita un comunicato dello Stato di Yobe.

La nota non precisa quante studentesse siano ora al sicuro, ma indica che le ragazze scomparse sono state “rapite da terroristi”, mentre ieri il capo della polizia negava ufficialmente che si fosse trattato di “rapimenti”. Quattro anni fa, Boko Haram rapì oltre 270 studentesse nella città di Chibok. Prima di fuggire, i jihadisti di Boko Haram hanno saccheggiato la scuola.

NIGERIA, RAID DI BOKO HARAM: SCOMPARSE 111 RAGAZZE

ROMA – Centoundici liceali sarebbero scomparse a seguito di un’incursione del gruppo islamista Boko Haram: lo hanno riferito oggi responsabili del governo dello Yobe, lo Stato del nord-est della Nigeria dove si e’ verificato il raid. Secondo il ministro per la Polizia Abdulmaliki Sumonu, su un totale di 926 studentesse portate via o fuggite prima dell’arrivo dei militanti ne sarebbero state rintracciate 815. L’incursione si e’ verificata lunedi’, a Dapchi. Nel vicino Stato di Borno, a Chibok, nel 2014 militanti di Boko Haram avevano sequestrato 276 liceali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»