Palazzi danneggiati dalle bombe carta a piazza Montecitorio, arrivano i Vigili del Fuoco

Finestre in frantumi, vetri in bilico sui passanti: alcune strade sono state chiuse
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA   – Le tre bombe carta fatte esplodere nel pomeriggio in Piazza Montecitorio, durante le proteste degli ambulanti contro la direttiva Bolkestein e dei tassisti contro il decreto Milleproroghe, hanno provocato danni ai palazzi circostanti.

I vetri delle finestre di un appartamento in via in Aquiro sono andati in frantumi, cosi’ come il rosone di una finestra di Palazzo Macchi, all’angolo sopra una ex banca e la finestra di un altro palazzo di fronte.

LEGGI ANCHE Boldrini: “Sei bombe carta da stamattina, non è normale”

Per evitare che i vetri rotti in bilico possano cadere sui passanti, il ‘triangolo’ di strade interessato e’ stato transennato dalla Polizia Municipale, mentre in vigili del fuoco sono intervenuti con una camionetta con scala retrattile per picconare la finestra piu’ in alto in via in Aquiro. I vetri son ancora tutti per terra. La tensione tra i manifestanti e poliziotti in tenuta antisommossa a tratti si e’ riaccesa, tanto che uno degli organizzatori della protesta, parlando al microfono, si e’ sentito in dovere di esplicitare la dissociazione dal gesto chi ha lanciato le bombe e i fumogeni.

LEGGI ANCHE Milleproroghe, centinaia di tassisti e ambulanti protestano a Roma. Raggi: “Io con loro”/VIDEO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»