Coronavirus, Omceo Roma: “Chiediamo corsie preferenziali per i tamponi ai medici”

“Non possono fare la 'trafila' dei cittadini, devono dedicarsi ai pazienti”
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Oltre ai vaccini, chiediamo una via preferenziale per i tamponi ai medici. Questo per garantire la salute sia dei pazienti sia del personale sanitario”. Lo ha detto il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, intervistato dall’agenzia Dire oggi in occasione dell’apertura della campagna antinfluenzale presso la sede dell’Ordine. “Abbiamo visto in questi giorni qual è la difficoltà del cittadino per poter fare un tampone- ha spiegato Magi- se noi abbiamo un medico che ha il sospetto di essere positivo al Covid-19 e che quindi deve fare la stessa ‘trafila’, per alcuni giorni ovviamente questo medico non potrà essere assegnato alla sua normale attività, quindi all’assistenza, alla diagnosi e alla cura dei pazienti. Creare corsie preferenziali per i medici, ma in generale per gli operatori sanitari, permetterebbe sempre di più di essere presenti e di non accentuare dinamiche già presenti di mancanza del personale”. Ancora oggi con il blocco del turnover, ha sottolineato quindi Magi, “manca il personale. Oggi stesso ho avuto delle richieste, perché bisogna aprire i reparti Covid, di pubblicizzare il più possibile la ricerca di personale medico che possa supplire alle carenze, in modo tale da poter dare assistenza”, ha concluso.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»