Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Catalogna, torna la Corrida. È patrimonio culturale

La Corte Costituzionale annulla il divieto regionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

catalogna-torna-la-corrida-2ROMA – Riaprono le arene in Catalogna. Dopo sei anni, la corrida, l’eterna sfida tra uomo e animale, potrà riprendere. È il simbolo della Spagna, è nel suo Dna, non può bastare una legge regionale a spegnere gli Olè.

Catalogna torna la corrida, i fatti

Sei anni fa una legge regionale del Parlamento catalano chiudeva le arene. I tori tornavano a pascolare liberi nei campi mentre i toreri dicevano addio a muleta, descabellar, la spada, e banderillas. Questa però è storia di ieri. Oggi la Corte Costituzionale spagnola ha annullato quell’articolo della legge regionale. Le arene potranno riaprire e il macabro “show must go on”.

Catalogna torna la corrida, patrimonio culturale

Nelle motivazioni della sentenza della Suprema corte si legge che la Catalogna si è spinta oltre i suoi poteri. Può deliberare sugli spettacoli e sulla protezione degli animali ma, deve stare lontana dalla corrida. Questa è, infatti, considerata patrimonio culturale della Spagna e la Catalogna non può spingersi così in là. Per la cronaca otto sono stati i voti favorevoli alla cancellazione della legge regionale, tre soli i contrari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»