La Cassazione francese conferma: multa da 40 milioni di euro per Sanofi

All'origine della sanzione, una campagna pubblicitaria in cui venivano denigrati gli anticoagulanti generici, al fine di favorire il proprio prodotto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

farmaciROMA –  La Corte di cassazione di Parigi ha confermato una multa record alla Sanofi: 40,6 milioni di euro, comminata all’azienda farmaceutica nel 2013 dall’anti-trust francese.

All’origine della sanzione, una campagna pubblicitaria in cui venivano denigrati gli anticoagulanti generici, al fine di favorire il proprio prodotto, il Plavix, e il proprio generico, il Clopidrogel Winthrop.

Secondo la stampa francese, la Corte ha trovato giuste le motivazioni avanzate dai giudici: per cinque mesi – tra il 2009 e il 2010 – la nota azienda ha sfruttato la sua “posizione dominante” sugli altri medicinali generici, al fine di “impedirgli l’ingresso sul mercato”. Respinte quindi tutte le istanze presentate dalla Sanofi, compreso il ricalcolo dell’ammenda. E’ stato inoltre valutato che, da parte della Sanofi, è stata messa in campo “una campagna su scala nazionale attraverso una strategia di comunicazione globale e ben strutturata”. L’obiettivo finale, “influenzare medici e infermieri a favore dei propri anticoagulanti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»