Arresti in Catalogna, Barcellona accusa: “Uno scandalo per la democrazia”

Arrestato Josep Maria Jove', braccio destro del vice-presidente della Generalitat della Catalogna.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – “Uno scandalo per la democrazia”: il sindaco di Barcellona Ada Colau ha definito cosi’ l’arresto di Josep Maria Jove’, braccio destro del vice-presidente della Generalitat della Catalogna.

“È uno scandalo per la democrazia che si perquisiscano le istituzioni e si arrestino cariche pubbliche per motivi politici” ha affermato il primo cittadino. “Difendiamo le istituzioni catalane”. Con Jove’ sono state arrestate 11 persone, tra funzionari e responsabili del governo autonomo. L’operazione e’ stata coordinata dalla Guardia Civil spagnola.

Il contesto e’ quello dello scontro tra Madrid e Barcellona sul referendum per l’indipendenza convocato dalle autorita’ catalane per il 1° ottobre ma sospeso dalla Corte costituzionale. Dopo l’arresto di Jove’, il presidente della Generalitat Carles Puigdemont ha convocato una riunione di emergenza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»