Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini: “Lotta contro chi tresca, finché Maria Vergine ci assiste”

Il leader della Lega giura che non si fermera' di fronte all'ipotesi che nasca un governo tra Pd e Ms5
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il senatore Morra ha detto che il rosario in Calabria e’ un omaggio alla ‘ndrangheta. Io rifacendomi a Maria e al buon Dio, secondo il senatore presidente dell’antimafia, ho mandato un messaggio alla ndrangheta. Ma vi rendete conto?”, chiede Matteo Salvini ai suoi followers su facebook. “Ora in Calabria non si puo’ pregare la Madonna. Alla faccia della liberta’…”, aggiunge.

Matteo Salvini giura che non si fermera’ di fronte all’ipotesi che nasca un governo tra Pd e Ms5. “Se serve mi faro’ processare e andro’ in galera”, dice nel corso di una diretta facebook, contrastando “chi invece sta trescando per riportare nella casa degli italiani Prodi, Renzi, Boschi, Letta… Il potere appartiene a voi, non dimenticatelo mai. Se voi ci siete avrete in me un alleato pronto a dare la vita per i figli di questo paese che non puo’ essere servo di nessuno”, aggiunge il vicepremier. E conclude: “Finche’ Maria Vergine ci assiste e ci illumina la battaglia verra’ portata fino in fondo”.

LEGGI ANCHE

Salvini: “Conte come un Saviano qualsiasi, vedremo se ci sarà la forza di andare al voto”
Renzi: “Conte ineccepibile, ma era meglio se parlava prima”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»