Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Morra (M5S) contro Salvini: “Rosario in Calabria è messaggio alla ‘ndrangheta”

Durissimo affondo del presidente della commissione antimafia contro Matteo Salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Matteo Salvini dopo che l’8 di agosto ha fatto sapere urbi et orbi che bisognava interrompere l’esperienza di governo ha avviato un tour, non un pellegrinaggio, incontrando cittadini, venendo contestato, ma soprattutto ostentando il rosario. Ora in terra di Calabria ostentare il rosario, votarsi alla Madonna, dove c’è il santuario cui la ‘ndrangheta ha deciso di consegnarsi significa mandare messaggi che uomini di Stato, soprattutto ministri degli Interni devono ben guardarsi dal mandare”. Così il senatore M5s Nicola Morra parlando nell’aula del Senato.
“Ma sicuramente è stato per ignoranza, quindi padre perdonalo perché non sapeva quello che faceva”, ironizza Morra.

LEGGI LA REPLICA DI SALVINI 

Salvini: “Lotta contro chi tresca, finché Maria Vergine ci assiste”

 

MORRA: SALVINI HA PRESO PER I FONDELLI IL PARLAMENTO

“Il 7 agosto ho visto il ministro in Senato e gli ho chiesto quando aveva intenzione di farsi vedere in commissione antimafia. Gli ho detto che aveva il dovere e il diritto di venire e dire cosa aveva intenzione di fare per combattere le mafie, esattamente come scrive sui social. Mi ha risposto sarebbe venuto il prima possibile”, quindi “ha preso per i fondelli il parlamento e un ministro della Repubblica non può prendere per i fondelli il parlamento e i cittadini”. Lo ha detto Nicola Morra, senatore M5s e presidente della commissione Antimafia. “Salvini non ha idea di che cosa sia una seria azione di contrasto alle mafie- continua- per questo ha avuto paura di venire in commissione”.
Morra attacca poi il leader della Lega anche sui simboli religiosi: “Quanto lui ha dichiarato offende la sensibilità di tanti. Abbiamo imparato che la laicità dello stato è un valore indiscutibile sui cui l’uomo politico deve essere molto, molto prudente”.
Poi, la stoccata finale. “Non si chiedono pieni poteri, voi dovreste ricordare che il popolo italiano è stato capace di partorire un carta costituzionale che ha convinto tutti e se qualcuno non si vuole attenere alla costituzione ha dimenticato cosa siano i valori di libertà e democrazia”, conclude Morra.

LEGGI ANCHE

Conte: “Governo è finito, da Salvini opportunismo politico e scarsa cultura costituzionale”
Salvini: “Conte come un Saviano qualsiasi, vedremo se ci sarà la forza di andare al voto”
Renzi: “Conte ineccepibile, ma era meglio se parlava prima”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»