Open Arms, Orlando: “Salvini ministro fascista, nave trasformata in campo di concentramento”

Il sindaco di Palermo attacca: "È una vergogna che macchia indelebilmente la credibilità e la storia del nostro paese"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dopo il provvedimento del Tar e dopo la fakenews di Stato sul ricorso da parte del ministero dell’Interno, l’unica certezza nella vicenda della Open Arms è che da quasi 20 giorni oltre 100 naufraghi sono sequestrati con l’equipaggio a bordo di una nave tenuta ostaggio da un ministro fascista, divenuta un campo di concentramento galleggiante”. Lo afferma in una nota il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

“Di fronte a questa evidenza, gli altri ministri, evidentemente ormai assuefatti alla fascistizzazione imposta da Matteo Salvini alla gestione del governo, non trovano di meglio che offrire una ‘scorta’ dai costi umani e finanziari insostenibili per (de)portare i naufraghi in Spagna, mostrando ancora una volta subalternità culturale e materiale alla Lega Nord. È una vergogna che macchia indelebilmente la credibilità e la storia del nostro paese, di cui ancora una volta chiediamo che i responsabili siano chiamati a rispondere in ogni sede”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»