Lazio, Pugliese: “La riforma del sistema di educazione dell’infanzia necessaria e attesa”

"La Regione Lazio dopo 40 anni si dota di una legge sul sistema educativo e di istruzione che si rivolge alle bambine e ai bambini, fra 0 e 6 anni"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La Regione Lazio dopo 40 anni si dota di una legge sul sistema educativo e di istruzione che si rivolge alle bambine e ai bambini, fra 0 e 6 anni. Una riforma necessaria e attesa che ridisegna il sistema: dalla trasformazione dell’offerta educativa, a una maggiore flessibilita’ dei servizi; dall’introduzione di nuove modalita’ all’avanguardia, senza dimenticare l’outdoor education e la sostenibilita’, all’edilizia scolastica”. Cosi’ sulla sua pagina Facebook l’assessora al Turismo e Pari Opportunita’ della Regione Lazio, Giovanna Pugliese.

“La nuova legge mette al centro anche il contrasto della poverta’ educativa e il contenimento dell’abbandono scolastico– aggiunge Pugliese– Sappiamo come in questo ultimo periodo, segnato duramente dalla pandemia, il sistema educativo e di istruzione abbia dovuto affrontare delle difficolta’ profonde e impreviste. La mancanza dei servizi educativi ha intaccato non solo il diritto all’istruzione e alla socialita’ delle piu’ piccole e dei piu’ piccoli, ma ha anche fatto saltare un tassello fondamentale nell’organizzazione familiare e in particolare nella vita delle donne che ancora si sobbarcano la maggior parte del lavoro di cura. Ristrutturare il sistema dei servizi per l’infanzia – aumentando il numero delle strutture, garantendo una distribuzione piu’ omogenea sul territorio regionale e offrendo una maggiore flessibilita’ negli orari – rappresenta una strategia fondamentale per difendere i diritti delle piu’ piccole e dei piu’ piccoli, ma anche per dare maggiore sostegno alle famiglie, riducendo le diseguaglianze piu’ profonde”.

Conclude Pugliese: “Il mio ringraziamento va al presidente, Nicola Zingaretti, e all’assessora alle Politiche Sociali, Alessandra Troncarelli, ad Eleonora Mattia, prima firmataria e tenace sostenitrice della proposta, e a tutte le consigliere e consiglieri che si sono battuti per rendere questa legge oggi realta’”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»