Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Outdoor education è la nuova proposta d’innovazione di Avanguardie educative

Avanguardie educative
La nuova idea entra a far parte della 'Galleria delle Idee per l’Innovazione'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – «Outdoor education» è la nuova Idea di Avanguardie educative che da oggi le scuole possono adottare. La proposta entra a far parte della «Galleria delle Idee per l’Innovazione» perché consiste in un approccio pedagogico che presenta numerosi punti di contatto con gli «orizzonti di riferimento» promossi dal Manifesto del Movimento dato che agisce su DidatticaTempo e Spazio, le tre coordinate che individuano il contesto di riferimento per i processi di innovazione innescati dalle Idee.

Ma cos’è l’Outdoor education? Sotto questo termine sono comprese una grande varietà di esperienze pedagogiche caratterizzate da didattica attiva che si svolge in ambienti esterni alla scuola e che è impostata sulle caratteristiche del territorio e del contesto sociale e culturale in cui la scuola è collocata; l’offerta formativa dell’Outdoor education include quindi una numerosa gamma di attività didattiche che vanno da esperienze di tipo percettivo-sensoriale (orto didattico, visite a fattorie, musei, parchi, ecc.) ad esperienze basate su attività sociomotorie ed esplorative tipiche dell’Adventure education (orienteering, trekking, vela, ecc.), a progetti scolastici che intrecciano l’apertura al mondo naturale con la tecnologia (coding, robotica, tinkering, ecc.).

Originario dei paesi nordeuropei e lì diffuso, l’Outdoor education sta vedendo una rapida diffusione anche in Italia. Nato come risposta a fenomeni di indoorization che, a partire dalla rivoluzione industriale, sono stati l’espressione dei mutati rapporti tra uomo e ambiente, l’Outdoor education è una proposta pedagogica quantomai attuale considerati gli stili di vita ‘imposti’ dalla recente pandemia. Da questo punto di vista non però è sufficiente uscire dall’aula per poter parlare di Outdoor education; infatti, in un’esperienza pedagogica di questo tipo non possono mancare sia l’interdisciplinarità sia l’attivazione di relazioni interpersonali ed ecosistemiche.

Non solo: il temine «Outdoor education» non si riferisce esclusivamente ad esperienze svolte in contesti naturali (giardini, fattorie, boschi, ecc.) ma anche a percorsi didattici realizzati in ambienti urbani (musei, piazze, parchi cittadini, ecc.) nei quali sono garantiti un rapporto diretto e concreto con il mondo reale e il pieno coinvolgimento del soggetto in formazione (dimensioni cognitiva, fisica, affettiva e relazionale).

«Outdoor education» è una proposta pedagogica che ha visto e vede coinvolte e impegnate nel percorso di ricerca e sperimentazione tre scuole (capofila dell’Idea): l’IC «Venturino Venturi» di Loro Ciuffenna, in provincia di Arezzo; l’«IC n. 12» di Bologna; l’IC «Giovanni XXIII» di Acireale, in provincia di Catania (quest’ultima anche scuola polo regionale di Avanguardie educative).

CONSULTA LA PAGINA DEDICATA ALLA NUOVA IDEA OUTDOOR LEARNING

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»