VIDEO | Coronavirus, lo psicologo: “Lasciate vivere ai bambini la dimensione creativa”

Castelbianco (Ido): "Genitori, non preoccupatevi: sanno uscire dalla noia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La capacità di elaborare e di astrarsi dall’immediato per andare in un mondo fantastico è tipica dei bambini. Negli adulti è andata perduta, perchè non l’abbiamo più elaborata, fatta eccezione per gli artisti“. Lo dichiara Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), che su Rai 1, al programma ‘Diario di casa’, spiega ai genitori come comportarsi.

“Dobbiamo lasciare vivere ai bambini una dimensione diversa e creativa e non dobbiamo preoccuparci se si annoiano o meno– spiega lo psicologo- perchè saranno loro stessi a trovare il modo per uscire dalla noia, entrando in un mondo fantastico che li soddisfa e gli permette di vivere meglio l’attuale situazione, sicuramente complessa per tutti”.

L’equipe multidisciplinare dell’IdO offre in questo periodo di emergenza delle consulenze gratuite e mette a disposizione numerosi video tutorial per le famiglie di bambini e ragazzi affetti da disturbi globali e specifici dello sviluppo, disagio scolastico e psicologico attraverso gli sportelli ‘Ido con voi’ (sul sito www.ortofonologia.it, realizzato in collaborazione con la Societa’ italiana di pediatria) e ’30 psicologi in ascolto’ nell’ambito del progetto ‘Lontani ma vicini’ (sul sito www.diregiovani.it). Quest’ultimo rivolto anche agli insegnanti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»