In Siria “è strage di bambini”: morti in 10.000, più quelli annegati o sotto macerie

ROMA - "Questa e' una vera strage degli innocenti. Su 300.000 morti oltre 10.000 sono bambini, senza parlare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa e’ una vera strage degli innocenti. Su 300.000 morti oltre 10.000 sono bambini, senza parlare di quei bimbi che muoiono annegati o rimangono sotto le macerie dopo un bombardamento. Deve cessare questa strage. Quelli che soffrono di piu’ sono i bambini e le donne”. Lo ha detto il nunzio apostolico a Damasco, monsignor Mario Zenari, in un’intervista a inBlu Radio, network delle radio cattoliche italiane.

campo profughi zaatari

“La situazione purtroppo resta grave- ha proseguito Zenari- c’è qualche segnale di speranza fuori Damasco: ho visto alcuni convogli umanitari che mi hanno aperto il cuore. Anche se al momento chi e’ stato soccorso e’ solo una minima parte. Ieri sentivo dire che i convogli umanitari hanno raggiunto 80mila persone ma circa 450.000 vivono ancora in territori assediati e più di 4 milioni si trovano in zone irraggiungibili perchè sono in mezzo a due fuochi“. La situazione nel Nord, spiega ancora il nunzio, e’ ancora preoccupante, “gli effetti dei bombardamenti sono sotto gli occhi di tutti”. “La situazione umanitaria, a parte quella politica che e’ piu’ complicata- ha aggiunto Zenari- dovrebbe essere risolta con maggiore volonta’ da parte di tutte le parti in conflitto. E’ inammissibile che gli aiuti umanitari non possano arrivare in alcuni territori: il latte e il riso per i bambini sono disponibili ma aspettano i permessi per poter entrare” ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»