Marche, 10 frazioni isolate ad Ascoli e 3.000 utenze al buio/FOTO

Ad Appignano del Tronto una frana ha isolato il paese bloccando la via di accesso principale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Una decina di frazioni isolate e 3.000 utenze non ancora allacciate alla corrente elettrica. E’ leggermente migliorata la situazione nelle Marche alle prese con le emergenze causate da neve e terremoto. Nel maceratese sono state raggiunte, tutte le frazioni isolate a causa delle forti nevicate mentre nell’ascolano ne rimangono ancora una decina in quelle condizioni. “Ma vengono costantemente monitorate– si legge nel bollettino di giornata della Regione- e sono attivi i contatti per rispondere alle esigenze e alle problematiche sanitarie delle famiglie isolate. La maggior parte verrà liberata entro stanotte e domani”.

Ad Appignano del Tronto una frana ha isolato il paese bloccando la via di accesso principale: il sindaco ha emanato una ordinanza di chiusura al traffico ma rimane aperta la viabilità alternativa. Le utenze Enel interrotte sono ancora circa 3.000. Le singole case vengono raggiunte anche a piedi, con gli sci o con gli elicotteri dove possibile e le persone che accettano di essere evacuate vengono portate al sicuro. Molte infatti non vogliono saperne di abbandonare la propria casa. Riaperta al traffico la Salaria ma resta vietato il transito ai mezzi con carico superiore a 7,5 tonnellate dal km 145 al 161.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»