Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Calcio, Coni-Figc-Lega Serie A al Governo: “Snellire burocrazia stadi”

Inviata una lettera per denunciare lo stato di arretratezza delle infrastrutture sportive italiane e proporre possibili soluzioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Questa mattina i presidenti di Coni, Figc e Lega Serie A hanno inviato una lettera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e ai ministri Gualtieri, Spadafora e Franceschini nella quale si evidenzia il difficile momento che sta vivendo il calcio italiano e lo stato di arretratezza delle infrastrutture sportive del nostro Paese rispetto al contesto europeo.

La comunicazione al presidente Conte e’ stata accompagnata dal rapporto monitor Deloitte che propone le azioni ritenute fondamentali per avviare le necessarie opere di rinnovamento degli stadi in Italia, senza che vi sia alcuna richiesta di fondi per questi interventi, che invece servono proprio per ridurre le barriere agli investimenti privati. In particolare, si ritiene necessario attivare tempestivamente un confronto con il governo per: “ridurre il numero di autorita’ competenti coinvolte nel processo autorizzativo, attualmente 6, allineandoci alle best practice di mercato (e.g. Germania, dove vengono coinvolte 1/2 autorita’ a seconda dei casi); comprimere il numero di fasi previste dall’ iter autorizzativo, attualmente 7, avvicinandoci alle best practice europee (e.g. Germania, 2 fasi) o alla media europea (5 fasi); rimuovere i vincoli legislativi relativi alla destinazione d’uso delle strutture, in particolare per quanto riguarda il divieto ex-ante di prevedere opere residenziali (limite presente esclusivamente in Italia)”. La lettera e’ firmata dal presidente del Coni Giovanni Malago’, da quello della Figc Gabriele Gravina e dal presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»